Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:

Terapia molecolarmente mirata delle neoplasie mieloidi acute e croniche. Responsabile prof Giuseppe Saglio

Docente
Prof. Giuseppe Saglio (Coordinatore)
Corso di studio
Programma MD-PhD della Scuola di Medicina
Tipologia
teorico-pratico
Erogazione
Frequenza di laboratori e/o reparti
Lingua
Italiano/Inglese
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Prova pratica
Oggetto:

Sommario insegnamento

Oggetto:

Programma

Durante il corso verranno illustrati approfonditamente i meccanismi molecolari patogenetici e i risvolti terapeutici che ne derivano delle leucemie mieloidi acute e della leucemia mieloide cronica. Quest'ultima rappresenta la prima malattia oncoematologica in cui è stata utilizzata una terapia molecolarmente mirata. L'evento patogenetico è la formazione di una proteina di fusione (BCR-ABL) che deriva dalla traslocazione cromosomica t(9;22). Il prodotto genico ha una attività tirosino-chinasica costitutivamente attiva ed è bersaglio di farmaci specifici. Il primo tra tutti è l'imatinib, ma sono ormai in uso anche inibitori di nuova generazione. Anche in altre malattie mieloproliferative sono presenti traslocazioni cromosomiche comprendenti sequenze geniche codificanti per proteine tirosino-chinasi potenziali bersagli terapeutici. Inoltre, geni codificanti per altre chinasi possono essere oggetto di mutazioni puntiformi (JAK2, c-Kit) oppure risultano overespressi. Anche nelle leucemie mieloidi acute è possibile identificare bersagli molecolari utili per una terapia mirata. Spesso è presente una sregolata attività chinasica di Flt3 dovuta a mutazioni puntiformi o duplicazioni del gene codificante ed esistono specifici inibitori ormai in avanzata fase di sperimentazione. Ulteriore esempio di terapia mirata sono anche i farmaci diretti contro alcuni pathway abnormemente attivati nei blasti mieloidi tra cui quello di Ras, bloccata dagli inibitori delle farnesil-transferasi.

Oggetto:

Attività di supporto

Collaboratori: Daniela Cilloni, Emanuela Messa, Giovanna Rege Cambrin

Testi consigliati e bibliografia



Oggetto:

Note

  • Progetto del Corso: Basi molecolari delle Terapie mirate per la cura del cancro
  • Qualificazione scientifica: Pubblicazioni del prof. Saglio su PubMed 
  • Struttura in cui svolge attività di ricerca: Il laboratorio e il reparto fanno parte del Dipartimento universitario che ha sede presso l'Ospedale San Luigi di Orbassano. Svolge tutti i tipi di analisi citogenetiche e molecolari, analisi proteomiche e su Drosophila melanogaster. Possiede una ampia banca biologica di neoplasie ematologiche. La nostra struttura comprende un reparto di degenza di 20 posti letto (14 in area protetta) e di Day hospital (12 posti letto). Sono in corso oltre 40 protocolli clinici sperimentali.
Registrazione
  • Aperta
    Apertura registrazione
    01/03/2020 alle ore 00:00
    Chiusura registrazione
    31/12/2022 alle ore 23:55
    Oggetto:
    Ultimo aggiornamento: 24/10/2019 12:38
    Non cliccare qui!