Vai al contenuto principale
Oggetto:

Approccio fisiopatologico e clinico all'ipertensione arteriosa secondaria endocrina e al danno d’organo cardiovascolare. Responsabile prof Franco Veglio

Docente
Prof. Franco Veglio (Coordinatore)
Corso di studio
Programma MD-PhD della Scuola di Medicina
Tipologia
teorico-pratico
Erogazione
Frequenza di laboratori e/o reparti
Lingua
Italiano
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Prova pratica
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Programma

Il corso prevederà lo sviluppo di progetti sperimentali per lo studio in modelli in vitro ed in vivo del danno d'organo indotto dall'eccesso di aldosterone; inoltre saranno effettuati studi volti a chiarire le alterazioni genetiche responsabili delle forme ereditarie monogeniche di iperaldosteronismo primitivo. L'iperaldosteronismo primitivo è la forma più comune di ipertensione endocrina e i soggetti affetti mostrano un'aumentata incidenza di infarto miocardico, fibrillazione atriale ed ipertrofia ventricolare sinistra rispetto a pazienti affetti da ipertensione essenziale con analogo profilo di rischio. Sono ad oggi note tre forme di iperaldosteronismo familiare con base genetica: mentre per la forma di tipo 1 e di tipo 3 è nota la alterazione genetica responsabile, per la forma di tipo 2 la eziologia è ignota, anche se è probabile che si tratti in realtà di più patologie in quanto è stata dimostrata in alcune famiglie ma non in altre, un linkage con la regione cromosomica 7p22. Il modello sperimentale di iperaldosteronismo primitivo permetterà di indagare sia la fisiopatologia del danno d'organo indotto dall'aldosterone sia di studiare nuovi approcci terapeutici, incluso l'utilizzo di inibitori dell'aldosterone sintasi. Il nostro progetto in particolare, permetterà di svelare nuovi meccanismi molecolari sottostanti la disfunzione e la patologia cardiaca osservate sia in pazienti affetti da iperaldosteronismo primario e secondario, sia in modelli animali con eccesso mineralocorticoideo. Inoltre saranno effettuati studi volti all'identificazione di nuovi geni responsabili di iperaldosteronismo primitivo e sarà studiata la loro funzione in modelli cellulari in vitro. Presso il nostro Laboratorio di Fisiopatologia Cardiovascolare di ecocardiografia bi e tridimensionale, sarà inoltre possibile durante il corso acquisire tali abilità per analizzare da un lato i meccanismi alla base delle diverse patologie di nostra competenza e dall'altro di studiare con nuove tecnologie i pazienti ipertesi per una sempre più accurata stratificazione del rischio cardiovascolare. Inoltre durante il corso sarà possibile acquisire un'importante esperienza clinica nella diagnosi e nel trattamento dei pazienti ipertesi che afferiscono presso il nostro Centro Ipertensione Arteriosa.

Oggetto:

Attività di supporto

Collaboratori: Paolo Mulatero, Alberto Milan, Tracy Ann Williams

Oggetto:

Note

  • Progetto del Corso: Ipertensione arteriosa e diabete: approccio clinico integrato alle malattie cardiometaboliche. 
  • Qualificazione scientifica:
    Link alle pubblicazioni del prof. Veglio su PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed?term=Veglio%2C%20Franco%5BAuthor%5D
  • Struttura in cui si svolge attività di ricerca: 
    Centro Ipertensione Arteriosa del Dipartimento di Medicina, Via Genova 3, Molinette, Reparto, Ambulatorio, e laboratorio di Monitoraggio pressorio ed Ultrasologia Cardiovascolare. Nel laboratorio di biologia cellulare (separazione, colture cellulari) sarà possibile, a richiesta, eseguire tutte le procedure sperimentali in lingua inglese per migliorare la propria capacità linguistica scientifica e tecnologica con l'ausilio della dott.ssa Williams di madrelingua inglese. Le strumentazioni e le "facilities" necessarie per l'esecuzione e lo sviluppo dei programmi specifici sono a disposizione nel Dipartimento di Medicina ed Oncologia Sperimentale presso l'ospedale Molinette.
Registrazione
  • Aperta
    Apertura registrazione
    01/03/2020 alle ore 00:00
    Chiusura registrazione
    31/12/2022 alle ore 23:55
    Oggetto:
    Ultimo aggiornamento: 24/10/2019 12:48
    Non cliccare qui!